Scrivici

Mistery

DA SIMBOLO DI VITA A EMBLEMA DEL MALE

Pubblicato

su

CHI LA PROPOSE PER PRIMO RESTA UN MISTERO

Per i nazisti la svastica o croce uncinata ha un doppio significato

In essa vedono la lotta per la supremazia ariana

Possiede però anche una valenza soprannaturale ben nota tra gli occultisti e satanisti che formavano la cupola del partito nazionalsocialista e che si contendono la primogenitura della sua scelta

b

Prima  del nazismo era pressoché sconosciuta al popolo tedesco – Ha origini comuni in diverse credenze sparse tra vecchio e nuovo continente, ma si deve al Fuhrer la sua trasformazione in emblema negativo

 

Berlino

In quanto nazionalsocialisti, nella nostra bandiera vediamo il nostro programma. Nel rosso vediamo il pensiero sociale del movimento, nel bianco l’elemento nazionalista, nella croce uncinata la missione della lotta per la vittoria dell’uomo ariano”.

Così scrive Adolf Hitler nel suo “Mein Kampf ”, spiegando il significato politico della svastica, ma guardandosi bene dal rivelare la natura occulta di quella croce e perché l’abbia scelta.

Come altri simboli nazisti la svastica, o croce uncinata, ha una doppia valenza: quella politica, descritta nel Mein Kampf, e quella magica, conosciuta solo dagli occultisti e satanisti che formavano la cupola del partito nazionalsocialista. Chi tra di loro la propose per primo resta un mistero. Per alcuni ricercatori, la svastica non è che una runa iniziatica che presso gli antichi Germani simboleggiava il sole fornendo forza e protezione.

Nel suo Das Geheimnis der Runen (il segreto delle rune), Guido von List, occultista e fondatore della società segreta degli Armanen, sostiene che gli Ariani, costretti a fuggire dopo un’immane catastrofe dalla loro patria, il gelido Nord, avrebbero riportato il “simbolo del sole”, la croce uncinata delle comunità fondate in tempi immemorabili dagli uomini-dei.

[slideshow_deploy id=’161′]

Paternità contesa

Già nei primi libri di List la croce uncinata compare come simbolo dell’invincibile, del “forte dall’alto” e quindi del salvatore dei Germani.

Hitler, assiduo lettore di List, considera gli Ariani promotori di ogni civiltà umana e appare quindi logico che ne adotti l’emblema.

Un altro autore preferito del giovane Hitler, Lanz von Liebenfels, fondatore dell’Ordo Novi Templi, pare sia stato il primo, nel 1907, ad alzare sulla torre della sua rocca cavalleresca una bandiera con la svastica, segno di lotta e di vittoria dello spirito della razza ariana, nei colori azzurro-argento dei Nuovi Templari.

Altri sostengono invece che fu Hermann Göring a suggerirla come emblema dopo averla vista, nel 1920, in una segreta cappella nel castello svedese di Rockelstad dove viene condotto dalla affascinante castellana, Era Carin, contessa von Fock.

Nel 1922 Göring conosce ed è conquistato da Hitler, il quale gli propone di diventare il comandante delle neonate squadre d’assalto, una marmaglia di duemila picchiatori disoccupati che provvedono al servizio d’ordine nei comizi del futuro dittatore. Presto, per distinguersi e incutere timore negli avversari, questi uomini sfoggiano al braccio una fascia con la croce uncinata.

Segno magico

Altri ancora indicano il promotore della svastica in Karl Haushoffer che l’avrebbe scoperta nei suoi viaggi in Tibet e fatto conoscere i suoi arcani poteri ai membri fondatori della società segreta Thule, occultista e profondamente antisemita, che la utilizzano nel proprio emblema per opporre questa figura dinamica ai due simboli statici che odiano profondamente: la stella di David e la croce. Tesi contestata da chi sostiene che a proporre la croce uncinata sia un certo Friedrich Krohn, membro della Thule e dell’Ordine dei Germani, che vuole però che ruoti verso destra, secondo il modello buddista ortodosso, indice di fortuna, salute fisica e morale.

Di certo c’è che prima dell’avvento del nazismo la svastica è un simbolo pressoché sconosciuto al popolo tedesco. Alla fine dell’Ottocento uno dei più noti dizionari tedeschi la liquida con un paio righe.

In realtà in Europa come in Asia, è da sempre considerata un segno magico. Le prime civiltà umane vedono in essa il simbolo del sole, fonte di vita e fecondità, o il fulmine, manifestazione della collera divina, che occorre scongiurare. La svastica non è un segno elementare, come il cerchio o la croce, ma complesso, tracciato con una intenzione precisa. Lo studio delle sue migrazioni svela le origini comuni delle diverse religioni e le relazioni preistoriche tra Europa, Asia e America. Attraverso di essa è possibile fare un viaggio nel tempo: dai primordi della civiltà sino a quando Hitler e i nazisti la trasformano nel simbolo assoluto della violenza e del Male.

Heinz von Fait

Continua a leggere
Pubblicità
Clicca sul commento

Replica

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Mistery

PERSE LA VITA PER IL SUO REGGISENO

I contorni di un omicidio di settant’anni fa. La vittima era una donna di mezza età uccisa lungo un sentiero di montagna. Le indagini portarono a un muratore con tendenze feticiste – L’assassino voleva dalla donna la biancheria intima e al suo rifiuto l’ha uccisa e derubata della catenina d’oro e dell’orologio.

Pubblicato

su

MISTERI E DELITTI

Piazza San Carlo di Torino. Sotto i portici di questa piazza c’era l’oreficeria dove Nadi Chibono è andato a vendere l’orologio e la catenina d’oro rubati ad Angela Cavalli. Fu la segnalazione dell’orefice a mettere la polizia sulla strada giusta.

Piazza San Carlo di Torino. Sotto i portici di questa piazza c’era l’oreficeria dove Nadi Chibono è andato a vendere l’orologio e la catenina d’oro rubati ad Angela Cavalli. Fu la segnalazione dell’orefice a mettere la polizia sulla strada giusta.

I contorni di un omicidio di settant’anni fa. La vittima era una donna di mezza età uccisa lungo un sentiero di montagna. Le indagini portarono a un muratore con tendenze feticiste – L’assassino voleva dalla donna la biancheria intima e al suo rifiuto l’ha uccisa e derubata della catenina d’oro e dell’orologio.

 

La “torre dei Balivi”, ad Aosta. Nella casa a sinistra abitava Nadi Chibono, il muratore con tendenze feticiste che uccise Angela Cavalli dopo averle chiesto il reggiseno.

La “torre dei Balivi”, ad Aosta. Nella casa a sinistra abitava Nadi Chibono, il muratore con tendenze feticiste che uccise Angela Cavalli dopo averle chiesto il reggiseno.

L’uomo andò a vendere a Torino gli oggetti e l’orefice avvertì la Polizia – Fu fermato e dopo un lungo interrogatorio finì per confessare il crimine – Fu condannato a venticinque anni di carcere

 

Jolanda Bergani, che aveva fatto amicizia con Angela Cavalli dopo che lei l’aveva presa sotto la sua protezione, in un primo tempo fu accusata dell’omicidio dell’amica.

Jolanda Bergani, che aveva fatto amicizia con Angela Cavalli dopo che lei l’aveva presa sotto la sua protezione, in un primo tempo fu accusata dell’omicidio dell’amica.

Aosta

Angela Cavalli, all’inizio dell’estate, si rifugiava tra le fresche valli aostane. Quell’anno, siamo nel 1954, aveva scelto Entréves, a pochi chilometri da Courmayeur, trovando ospitalità in una pensione. Angela era una persona tranquilla, di mezza età, con una piccola attività commerciale che le permetteva di concedersi una breve vacanza in montagna. Da qualche giorno era giunta nella stessa pensione una ragazza che finì per attirare la sua attenzione, perché aveva lo sguardo triste, zoppicava leggermente ed era molto riservata. La giovane si chiamava Jolanda Bergani. Le due donne fecero presto amicizia e la nuova arrivata raccontò ad Angela la sua angosciante storia.

«Sono rimasta orfana a sedici anni e di conseguenza sono stata costretta ad andare a servizio presso una famiglia, dove il figlio del padrone di casa mi ha violentato, ma per non perdere il posto sono rimasta in silenzio», le racconta Jolanda. «Qualche mese dopo mi resi conto di essere rimasta incinta e il giorno che anche la padrona di casa si è accorta del mio gonfiore alla pancia, capendo che ero incinta e mi ha licenziato su due piedi».

Jolanda ebbe la fortuna di trovare una donna anziana che la ospitò in casa propria, dove dette alla luce un bambino, al quale fu imposto il nome di Ugo. Era un bimbo gracile, bisognoso di cure e fu necessario pertanto farlo ricoverare in una struttura sanitaria.

Angela Cavalli era una donna di mezza età, non bella ma con quel “non so che” che provocava gli uomini. Ebbe la sfortuna d’incontrare, lungo un sentiero di montagna, un maniaco che la uccise.

Angela Cavalli era una donna di mezza età, non bella ma con quel “non so che” che provocava gli uomini. Ebbe la sfortuna d’incontrare, lungo un sentiero di montagna, un maniaco che la uccise.

Lungo il sentiero

Le disgrazie, dice un proverbio, non vengono mai sole e Jolanda, poco tempo dopo si ammalò di tubercolosi. Dopo alcuni mesi di ricovero era stata dimessa e ora era giunta a Entréves perché, secondo il parere dei medici, l’aria di montagna avrebbe accelerato la sua guarigione. Questa storia di dolore e di umiliazioni finì per intenerire il cuore di Angela, che si sentì in dovere di proteggere la giovane nuova amica. Le due donne trascorrevano molto tempo in piacevole compagnia. La gente le guardava con ammirazione, perché capiva che stavano coltivando una bella amicizia.

Un pomeriggio Angela, dopo un breve riposo, nell’attesa d’incontrare nel giardino della pensione la giovane amica, andò a fare una breve passeggiata. Contava d’impiegare circa mezzora. Invece, alcuni villeggianti la videro allontanarsi, ma non più rientrare. Jolanda, una volta giunta in giardino, iniziò a cercarla. Si avviò lungo il sentiero che spesso percorrevano assieme, la chiamò forte, ma di Angela non c’era alcuna traccia. Con il diffondersi della notizia della scomparsa di Angela, la preoccupazione iniziò ad aumentare tra i villeggianti, che verso sera decidono di avvertire i carabinieri.

Angela Cavalli fu trovata esanime lungo un sentiero, con le vesti scomposte e il reggiseno strappato. Si pensò subito a un delitto a sfondo sessuale. La perizia necroscopica accertò che non aveva subito alcuna violenza sessuale e che la morte era avvenuta per soffocamento. Fu poi accertato che alla vittima erano stati rubati l’orologio da polso e la catenina d’oro che portava al collo. Supponendo che poteva trattarsi di un omicidio a scopo di furto, si cercò di scoprire chi, tra gli ospiti della pensione, viveva in ristrettezze economiche. I primi sospetti caddero su Jolanda, ma contemporaneamente, un orefice di Torino segnalò alla polizia di avere acquistato da un uomo di mezza età, con residenza ad Aosta, una catenina d’oro e un orologio da polso. Erano quelli rubati ad Angela Cavalli. Gli accertamenti degli inquirenti portarono a Nadi Chibono, un muratore che abitava ad Aosta. L’uomo confessò.

«Ero a Entréves per incontrare un impresario che mi aveva promesso un lavoro … ho incontrato una donna che ha suscitato in me vogliosi pensieri. Mi sono avvicinato per chiederle in bei modi di regalarmi il reggiseno, ma lei prima si è messa a ridere, poi mi ha dato uno schiaffo. Allora le ho messo una mano dentro la camicetta, lei si è ribellata… non mi ricordo che cosa sia avvenuto poi. So solo che mi sono trovato in tasca la catenina e l’orologio. Erano due oggetti belli che avrei voluto conservare, ma avevo bisogno di soldi e così decisi di venderli».

Gli fu poi chiesto perché volesse il reggiseno.

«È un indumento che mi fa perdere la testa e mi fa sognare … non m’interessa la donna, quanto il suo reggiseno».

La Corte lo condannò a venticinque anni di carcere, che scontò tra Torino, Milano e Pavia.

Enzo Valentini

Continua a leggere

Mistery

Eva Braun, per anni è stata l’amante invisibile

Dopo un anno, sentendosi trascurata, tentò il suicidio – Da quel momento, il suo amato promette di non abbandonarla mai più – Nonostante il suo ruolo era la donna più infelice del Terzo Reich

Pubblicato

su

UN’ESISTENZA NELL’OMBRA…

 S’incontrarono nello studio del fotografo ufficiale del futuro dittatore.  La loro relazione divenne seria tre anni dopo

Goebbels e Speer descrivono Eva Braun come un'oca giuliva che viveva solo in funzione del suo uomo, Adolf Hitler, dal quale era pronta ad accettare tutto. Visse per 16 anni nell'ombra, accontentandosi degli scampoli di tempo che il dittatore le concedeva.

Goebbels e Speer descrivono Eva Braun come un’oca giuliva che viveva solo in funzione del suo uomo, Adolf Hitler, dal quale era pronta ad accettare tutto. Visse per 16 anni nell’ombra, accontentandosi degli scampoli di tempo che il dittatore le concedeva.

Lei inizialmente non lo aveva nemmeno riconosciuto – Aveva 17 anni e lavorava come apprendista e commessa – Con imbarazzo ed esitazione accettò la corte discreta di un così importante persona

 

b

Ecco come appariva Hitler nel 1929, quando incontrò Eva. Va detto che l’immagine fu abilmente ritoccata e trasformata in “santino” del futuro dittatore

 

Dopo un anno, sentendosi trascurata, tentò il suicidio – Da quel momento, il suo amato promette di non abbandonarla mai più – Nonostante il suo ruolo era la donna più infelice del Terzo Reich

 

Berlino

«Io ho sposato la Germania, la signorina Braun non esiste».

Questo il severo ordine impartito da Hitler al ministro della Propaganda Goebbels quando cominciarono a circolare le voci di una sua possibile relazione con Eva Braun una ragazzotta bionda, belloccia, ma tutto sommato insignificante, che aveva conosciuto dall’amico e suo fotografo ufficiale Hoffmann. Le si era presentato come Herr Wolf e lei non lo aveva neppure riconosciuto, nonostante passasse il tempo a riordinare le sue fotografie vendute come santini alle grandi adunate del partito. Era l’ottobre del 1929 ed Eva era stata da poco assunta come apprendista fotografa, commessa e ragazza di bottega. Per Eva era il primo impiego dopo avere studiato inglese, francese, dattilografia, ragioneria ed economia domestica.

Lo studio fotografico Hoffmann documentava tutte le attività del movimento, pubblicava servizi fotografici sui congressi del partito e stampava brossure di propaganda come “Germania svegliati!”.

Hoffmann era il fotografo personale di Hitler e, allo stesso tempo, influente membro del partito e ritrattista per le occasioni private e pubbliche di tutta l’élite nazista.

Inizialmente, il rapporto tra Hitler ed Eva Braun fu platonico. Il Führer si limitava a portarle fiori e scatole di cioccolatini e lei era lusingata delle attenzioni di un così importante personaggio che per molti tedeschi cominciava a diventare una sorta di semidio cui tutto era dovuto per il futuro bene della nazione.

Bella, colta, raffinata, elegante, Magda Goebbels era lontana anni luce dallo stereotipo della donna nazista. Idolatrava Hitler che a sua volta ne era ammaliato, anche se ci sono prove di una loro relazione.

Bella, colta, raffinata, elegante, Magda Goebbels era lontana anni luce dallo stereotipo della donna nazista. Idolatrava Hitler che a sua volta ne era ammaliato, anche se ci sono prove di una loro relazione.

Una vita di attese

Un po’ impacciata e titubante accettò la corte discreta del grand’uomo. Gli incontri avvenivano sempre durante il giorno, Eva scriveva a Hitler brevi messaggi che poi infilava nella tasca del suo impermeabile quand’era appeso nel guardaroba dello studio fotografico. Il Führer la lasciava fare senza prendere alcuna iniziativa.

Secondo la signora Winter, la governante di Hitler, finché ci fu la nipote Geli il rapporto rimase molto formale, ma nel 1932 si accorse che i due non si frequentavano più solo platonicamente.

La stessa Eva accennò il fatto alla sorella Gretl quando, guardando una foto del primo ministro inglese Chamberlain a colazione nell’appartamento di Hitler, ridacchiando affermò:

«Se quel sofà potesse parlare…».

Eva passò buona parte della sua vita in attesa che Hitler avesse tempo da dedicarle. Nel 1932, abitava ancora in casa dei genitori, ignari di tutto, e divideva la stanza con le sorelle.

Il suo unico legame con il grand’uomo era un telefono, spacciato per necessario per la ditta, ma solo lui poteva chiamarla. Quando suonava, Eva si metteva a letto e si copriva con le coperte, così poteva parlare indisturbata con il suo amante. Ma le chiamate giungevano sempre più raramente, Hitler era impegnato in una durissima campagna elettorale e non aveva tempo di amoreggiare.

d

Hitler, con accanto Göring, saluta la folla che lo acclama nuovo Cancelliere del Reich. La notizia, anziché rallegrare Eva la rese triste e malinconica perchè il suo Adolf avrebbe avuto ancora meno tempo da dedicarle.

Orgoglio e gelosia

Eva, sfinita dall’attesa, il 1° novembre 1932 inviò una struggente lettera d’addio a Hitler e poi, con il revolver del padre, si sparò un colpo alla gola. Nonostante l’abbondante perdita di sangue riuscì a chiamare un medico, il dottor Plate, cognato di Hoffmann che la fece condurre in ospedale. Ai genitori accorsi al suo capezzale disse che si era trattato di un incidente causato dalla sua inesperienza a maneggiare le armi.

Quando Hitler apprese del tentato suicidio si precipitò da Eva, promettendole che non l’avrebbe mai più abbandonata.

Il 1° gennaio 1933 l’invitò a teatro e dopo la presentò ufficialmente a Putzi Hanfstaengl, nel cui sontuoso appartamento si concluse la serata, cui erano presenti anche Rudolf Hess con la moglie e Heinrich Hoffmann insieme a Sofie Spork, con cui si era fidanzato dopo la morte della prima moglie.

Tre giorni dopo si svolse il fatidico incontro tra Hitler e Franz von Papen, nella casa del banchiere di Colonia von Schroeder che preparava la caduta del Cancelliere in carica e la conseguente nomina di Hitler.

Il 30 gennaio 1933, l’annuncio che il suo uomo era diventato la personalità più importante del Reich dopo il presidente Hindenburg, non riempì Eva di gioia, ma di preoccupazione: Adolf avrebbe dovuto passare più tempo a Berlino, dove c’era quella che riteneva la sua più pericolosa rivale, Magda Goebbels.

Heinz von Fait

Continua a leggere

Mistery

SPREMIAMO IL PRETE POI FILIAMO IN AMERICA

Una diabolica coppia d’innamorati coinvolse un sacerdote in una tresca erotica. La vicenda si concluse con un omicidio

Pubblicato

su

MISTERI E DELITTI

Una diabolica coppia d’innamorati coinvolse un sacerdote in una tresca erotica. La vicenda si concluse con un omicidio 

La famiglia della ragazza osteggiava il suo matrimonio perché l’uomo che lei amava era un poco di buono – I due escogitarono un piano per procurarsi una grossa cifra di denaro e poi scappare

Suggestionata dal fidanzato, la ragazza ammazzò a coltellate il religioso, che aveva sedotto e ricattato – Lei morì in carcere nel 1926, lui tornato in libertà, perì nella ritirata di Caporetto

 

Adelina Blasi mentre uccide don Saverio, che aveva ricattato per molto tempo. Con i soldi dell’ultimo ricatto sarebbe andata in America, insieme con il fidanzato Bernardo, dove si sarebbero rifatti una vita. (Da un disegno del “Diavolo rosa”, del 1906)

Adelina Blasi mentre uccide don Saverio, che aveva ricattato per molto tempo. Con i soldi dell’ultimo ricatto sarebbe andata in America, insieme con il fidanzato Bernardo, dove si sarebbero rifatti una vita. (Da un disegno del “Diavolo rosa”, del 1906)

Torino

Era una coppia che si faceva notare. Lei, Adelina Blasi, era bella, giovane e sempre vestita con un tocco di originalità. Lui, Bernardo Rossini, era alto, robusto e, seppur con qualche anno in più, destava vivaci interessi tra le donne. I due si amavano, ma era un amore contrastato dai genitori di lei, i quali avevano scoperto che Bernardo aveva dovuto saldare qualche conto con la giustizia. Non grandi cose, ma si trattava sempre di ombre che offuscavano la sua onestà.

I genitori misero al corrente la figlia di quanto avevano scoperto, ma lei non volle sentire.

«Lo amo e lo sposerò», disse la figlia.

«Non possiamo vietarti di amarlo, ma faremo tutto il possibile per impedire che lo sposi», fu la replica del padre.

I genitori avevano ragione, Bernardo non era in grado di mantenere una famiglia, non aveva alcun lavoro e viveva di espedienti. I suoi genitori gli avevano lasciato un piccolo alloggio dietro alla Gran Madre, che lui aveva ipotecato. Bernardo era abile nel gioco delle tre carte e conosceva una rete di ladruncoli e truffatori, con i quali faceva “degli affari”. Viveva alla giornata, ma alla sua Adelina diceva di essere “nel mondo del commercio”.

La domenica i due passeggiavano per via Po, per poi girare in via Roma e andare a Messa nella chiesa di San Carlo, dove conobbero don Saverio, un prete affabile, loquace, con il quale avviarono subito un piacevole dialogo. Bernardo, che aveva qualche conoscenza nel restauro dei mobili, si offrì per restaurare un inginocchiatoio che don Saverio aveva nel suo piccolo appartamento parrocchiale.

Bernardo Rossini, era un uomo di bell’aspetto, aveva qualche anno più di Adelina, ma soprattutto era un poco di buono.

Bernardo Rossini, era un uomo di bell’aspetto, aveva qualche anno più di Adelina, ma soprattutto era un poco di buono.

Un perfido gioco

Poteva diventare un bel rapporto se don Saverio non avesse iniziato a guardare Adelina con occhi vogliosi. Bernardo se ne accorse e, invece di chiarire il rapporto, fece il possibile per aumentare nel sacerdote il desiderio peccaminoso, costringendo la donna a provocarlo. La ragazza, in un primo tempo, cercò di opporsi al perfido gioco, ma poi non se la sentì di contrastare il suo Bernardo e iniziò a sedurre il sacerdote.

Non passò molto tempo e il religioso e la donna finirono per diventare amanti, con la tacita approvazione di Bernardo, il quale aveva scoperto che don Saverio era di famiglia ricca: il giorno della sua ordinazione sacerdotale, i genitori gli avevano regalato un calice d’oro, che conservava nell’appartamento. Inoltre, aveva un conto in banca sul quale il padre, di tanto in tanto, faceva dei versamenti. Bernardo convinse Adelina a chiedere dei prestiti a don Saverio, il quale in un primo tempo “aprì il borsello senza  battere ciglio, ma poi quando le somme richieste aumentarono iniziò a rifiutarsi di pagare”.

Bernardo costringeva Adelina a chiedere continuamente denaro, con la promessa di sposarla in breve tempo e di farle trovare una bella casa. Adelina, plagiata dall’uomo che amava, iniziò a minacciare il povero prete di rivelare la loro tresca ai parrocchiani se non le avesse dato altro denaro.

La Gran Madre, dopo piazza Vittorio Veneto. Adelina abitava con la famiglia nelle case sulla destra.

La Gran Madre, dopo piazza Vittorio Veneto. Adelina abitava con la famiglia nelle case sulla destra.

Terribile maledizione

«Chiudiamo questa storia», le disse un giorno Bernardo. «Chiedi al prete una bella somma e poi partiamo per l’America, dove ci sposeremo e saremo felici».

Adelina prese alla lettera la proposta di Bartolomeo e, dopo un incontro galante con don Saverio gli chiese una somma molto elevata.

«Paga e scomparirò per sempre», gli disse.

Lui si rifiutò e allora lei afferrò un coltello e si scagliò come un’ossessa sul prete, colpendolo una decina di volte.

Il cadavere di don Saverio fu scoperto il giorno seguente. Sulla base delle testimonianze di una portinaia che aveva immaginato la tresca del prete con la donna i carabinieri arrivarono alla bella Adelina e a Bernardo. Il processo si svolse nel giro di una settimana, dopo che la donna confessò di avere ucciso il prete, mentre Bernardo dichiarò di essere estraneo ai fatti. Il 18 ottobre 1902, la Corte pronunciò la sentenza. Adelina Blasi fu condannata a trent’anni di carcere, mentre Bernardo Rossini se la cavò con quindici. Lei morì in carcere in seguito a una polmonite, nel 1926. Lui fu rimesso in libertà nel 1917 e subito chiamato sotto le armi. Morì durante la ritirata di Caporetto. Qualcuno disse che sulla coppia gravava la maledizione di don Saverio. E forse era proprio così.

Enzo Valentini

Continua a leggere

Trending

Copyright 2017 - NEW MESSAGE UNO Srl - Piazza Erculea 5 - 20122 Milano - CF/P. IVA 08687380967 Realizzazione: Teaser LAB Srl - Via Privata Martino Lutero 6 - 20126 Milano - CF/P. IVA 08815430965 Nuova Cronaca Vera- Registrazione effettuata al Tribunale di Milano n.305 del 16/8/1972 Iscrizione Registro Nazionale della Stampa n. 5420, vol. 55, pag. 153 del 13/11/1996- Direttore Responsabile: Giuseppe Biselli - Sito a cura di Algama.it

Lo store di cronacavera.it è uno store di affiliazione. Al momento dell'acquisto sarete reindirizzati su Amazon Rimuovi